Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Parma

V.lo delle Asse 5 - 43121 Parma | Tel. +39 0521 287190 | Fax +39 0521 208544

Il fascicolo personale dei soci conservato nell'Archivio Anrp di Parma

All'interno dell'Archivio dell'Anrp di Parma vi è conservato un fascicolo personale per ogni socio. Ogni fascicolo è composto sempre da una "domanda di iscrizione" standard (a volte scritta a mano, altre dattilografata).

Esempio "Domanda di iscrizione": fascicolo di Azeglio Betti

Dopo la parte anagrafica (nome, cognome, genitori, professione, istruzione ecc.), segue quella relativa ai "Titoli per l'ammissione" nel quale si richiedono informazioni su:

Vi è un'ultima parte che riguarda i rapporti che il candidato ha avuto con il regime (iscrizione al Partito nazionale fascista e/o organizzazioni affini, cariche ricoperte). Nel caso preso di Azeglio Betti preso in esame leggiamo "si 1936", ovvero, iscritto al Pnf dal o nel 1936 e "nessuna carica", intendendo nessuna carica ricoperta. Infine si chiede l'adesione o meno alla Repubblica sociale italiana, la qual cosa avrebbe comportato, per statuto dell'Anrp, alla mancata iscrizione come socio.

La "domanda di iscrizione" non sempre presenta tutti i campi compilati e, a volte, anche se compilati non sempre sono leggibili. Inoltre capita spesso che le informazioni segnate siano approssimative o parziali: un esempio comune riguarda il corpo di appartenenza, dove difficilmente il candidato segnava il nome per intero della battaglione, della brigata o della divisione, ma si limitava a scrivere, ad esempio, "Fanteria". Uno dei dati più importanti è sicuramente il campo di prigionia. Nella domanda di iscrizione è richiesto l'ultimo campo di prigionia, in quanto capitava spesso che un prigioniero durante la sua lunga detenzione fosse trasferito in più luoghi. 

La banca dati è stata per ovvie ragioni costruita sul modello della "domanda di iscrizione"

All'interno del fascicolo personale, nella maggiorparte dei casi, è presente anche un documento che comprovava la propria detenzione. Si tratta quasi sempre di una lettera o una cartolina inviata dal campo o, raramente, ricevuta al campo. Capita anche di trovare tesserini pow (alcuni muniti di fototessera) o documentazione di varia natura come libretti paga pow, attestati della Croce rossa internazionale e così via. Questa documentazione rappresenta un tesoro di informazioni personali che apre uno squarcio sugli aspetti intimi e quotidiani della prigionia. All'interno della banca data è segnato, per ogni socio, la presenza o meno di documentipersonali (es. lettera inviata dal campo in data...)

                                     

Esempio documento personale: Lettera contenuta nel fascicolo di Azeglio Betti, ricevuta da Parma (inviata dalla madre) al campo di prigionia in Kenya.